Salta Menù|

Testata

ROCCASCALEGNA - sabato 17 novembre 2018 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Portale Scolastico »I Giornali delle scuole »IC Bellini T Peligna »ROCCASCALEGNA



  Menu Principale


  NOTIZIE


  DOCUMENTI


  EVENTI



[Castelli]

Castello Medievale

Recinto di fortificazione con torri circolari e maschio centrale

Immagine:

Comune e provincia:
Roccascalegna (Ch)


Tipologia:
recinto di fortificazione con torri circolari e maschio centrale

Ubicazione:
borgo medievale

Utilizzazione:
il castello ospita spesso mostre e altre manifestazioni culturali

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche/restauri:
costruito intorno all’XI-XII secolo come ampliamento di una preesistente torretta di guardia di epoca longobarda, doveva avere in origine una configurazione architettonica assai differente dall’attuale. I restauri degli anni novanta del Novecento hanno evidenziato crolli e successivi rifacimenti, appartenenti a varie epoche e documentati anche in tempi abbastanza recenti. In un documento del 1525 si apprende di una ristrutturazione fatta eseguire dal signore del luogo Giovanni Maria Annecchini e si descrivono la terra di Roccascalegna e il suo castello. Quest’ultimo era costituito di quattro torri circolari nuove e una antica a pianta quadrata, ubicata in posizione dominante sul territorio circostante. Nel XVI secolo vengono riedificate le mura, più alte delle precedenti ma senza merlature, e la cappella interna al castello, datata 1577, di cui oggi resta visibile l’aula priva di ogni ornamento. Negli anni, per il continuo abbandono, sono stati numerosi i cedimenti: nel 1940, ad esempio, crollò la prima torre a destra dell’ingresso (la cosiddetta Torre del Cuore per un simbolo araldico in pietra effigiato sulla porta principale). Il recente restauro di consolidamento e di parziale ricostruzione ha permesso la fruizione degli spazi esterni e degli ambienti interni dell’intero complesso

Stato di conservazione:
nel recente restauro sono state consolidate parti pericolanti, realizzati solai e coperture con tavolato e travi in legno lamellare, lasciate a rudere le zone non più ricostruibili così da rendere accessibile ogni spazio dell’intero castello. Il criterio adottato nell’intervento è stato quello della riconoscibilità: ogni nuovo elemento introdotto è dichiaratamente moderno, perfettamente riconoscibile per materiale, trattamento superficiale e tecnica costruttiva

Descrizione dell’edificio con riferimento ai materiali e alle tecniche costruttive adottate:
attraverso una ripida gradinata, realizzata ricavando ripiani inclinati dalla roccia, si raggiunge l’ingresso principale, dove i resti di un ponte levatoio sono sovrastati, sul lato destro, da una torre circolare che si erge al di sopra della parete rocciosa. Oltre il portale architravato, all’interno del recinto fortificato, si ergeva sulla sinistra la torre circolare crollata nel 1940, di cui si conserva il portale arcuato d’accesso. Più avanti, una specie di corte scoperta introduce alle altre torri, la Torre del Carcere e la Torre Angioina, e alla cappella, che presenta la caratteristica grondaia di coppi in cotto per la raccolta dell’acqua piovana e successivo scarico nella cisterna, oltre ad un semplice oculo in facciata. A destra, una gradinata conduce alla cosiddetta Torre di Guardia che rivolge lo sguardo sul versante nord-ovest dell’abitato di Roccascalegna. Si tratta dell’unica torre a base quadrata presente nel castello, di non facile attribuzione cronologica e costruita in parte con materiali di risulta. Con molta probabilità, è la costruzione più antica del castello, attorno alla quale si è sviluppato l’intero complesso fortificato. La Torre di Guardia è costituita da una muratura eterogenea in pietra appena sbozzata e mattoni, con aperture sui quattro lati e coronamento merlato. I muri di cinta del castello, privi di aperture e di merlature superiori, si addossano allo strapiombo dello sperone roccioso e si elevano ininterrotti fino a raggiungere l’altezza delle torri. La cortina muraria della cinta, a vista, è realizzata con un’apparecchiatura irregolare di pietre appena sbozzate, oltre che di ciottoli e frammenti di laterizi


Bibliografia:
W. CAPEZZALI, C. CIANCI, L. CUOMO, Capitoli di Roccascalegna, Bucchianico 1996
A. DI LORETO, Il Castello di Roccascalegna, storia e restauro, Teramo 1999.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Castello Medievale.pdf (130,53 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino