Salta Menù|

Testata

-Roccascalegna - lunedģ 17 dicembre 2018 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Roccascalegna



  Menu Principale


  Resti


  Chiese


  Castelli





  Eventi





[Chiese]

Chiesa di Santi Cosma e Damiano

Impianto basilicale con tre navate e abside quadrata

Immagine:

Comune e provincia:
Roccascalegna (Ch)

Tipologia:

impianto basilicale con tre navate e abside quadrata

Utilizzazione:
la chiesa è attualmente officiata

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche/restauri:
le prime notizie documentate risalgono al 1568, poiché la chiesa viene menzionata nei resoconti della visita pastorale del vescovo di Chieti. Il titolo ai Santi medici Cosma e Damiano fa supporre un’origine più antica dell’edificio, il quale, pur trovandosi fuori dall’antico circuito murario del primo insediamento, risale con molta probabilità all’epoca altomedievale. Nel 1737 la chiesa subì numerosi rimaneggiamenti, come appare dall’epigrafe dedicatoria sul portale principale.

Stato di conservazione:
l’edificio presenta un buono stato di conservazione sia strutturalmente sia per ciò che riguarda il trattamento delle superfici interne, le quali sono state recentemente dipinte con colori molto accesi e talvolta ad imitazione di materiali pregiati. L’esterno, ad esclusione del portale e dalla parte bassa delle paraste, è interamente rivestito di intonaco recentemente restaurato e dipinto

Descrizione dell’edificio con riferimento ai materiali e alle tecniche costruttive adottate:
la facciata della chiesa presenta al centro un fronte di tempio tetrastilo ottenuto addossando alla parete 4 paraste ioniche e una trabeazione orizzontale molto aggettante, che nasconde il basso timpano. Al centro un portale architravato dal tipico timpano spezzato di gusto tardobarocco, unico elemento in pietra dell’intera facciata. Le navate laterali sono illuminate da due finestre rettangolari e da due oculi in asse con le stesse, mancano, invece i portali laterali. L’interno mostra una rivisitazione barocca delle superfici. Un ordine architettonico di paraste doriche con fusto azzurro e capitelli dorati, inquadra gli archi tra le navate e sorregge un trabeazione dorica, con triglifi e metope, che segue, senza interruzione, l’intero perimetro della navata centrale e dell’abside. La copertura è ottenuta con volte a vela con affreschi di forma circolare, separati dagli archi trasversali in asse con le paraste sottostanti. L’abside è coperto da una calotta emisferica poggiante su pennacchi. L’ambiente interno è illuminato da aperture rettangolari realizzate sul cornicione della navata centrale al di sopra delle navate laterali.


Bibliografia:
W. CAPEZZALI, C. CIANCI, L. CUOMO, Capitoli di Roccascalegna, Bucchianico 1996
A. DI LORETO, Il Castello di Roccascalegna, storia e restauro, Teramo 1999.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Chiesa di SS. Cosma e Damiano.pdf (122,89 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino