Salta Menù|

testata

-Lanciano - domenica 21 aprile 2019 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Lanciano



  Menu Principale




  Chiese



  Palazzi


  Teatri


  Ponti


  Porte


  Torri


  Ville





  Eventi







[Torri]

Torri Montanare

Recinto fortificato con torri

Immagine:

Comune e provincia:
Lanciano (Ch)

Tipologia:

recinto fortificato con torri

Ubicazione:
quartiere Civitanova, piazza dell’Appello

Utilizzazione:
il recinto è utilizzato per spettacoli teatrali all’aperto

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche:

“[… ] Per varie Porte si apre l’adito a questa Città, fabbricate sul gusto dei mezzi tempi, con guardie, antimuri, merli, torri e ponti a levatoio, per poter impedire qualunque incursione [… ] ”. Così nel 1790 scriveva l’Antinori parlando della cinta fortificata che cingeva la città di Lanciano. Oggi esistono integre solo le torri Montanare, nel quartiere Civitanova, e una piccolo tratto delle antiche mura medievali nel quartiere Borgo, sul lato del cosiddetto Torrione Aragonese. Delle due torri esistenti quella più alta a pianta rettangolare è riferibile all’epoca di costruzione delle mura. Quella più bassa a pianta quadrata, invece, è attribuibile, per caratteri stilistici e costruttivi, ad un intervento quattrocentesco realizzato sotto la dominazione aragonese. Le torri montanare sono cosiddette perché rivolte verso la valle del Feltrino e la Maiella

Stato di conservazione:
gli interventi di restauro e consolidamento curati dalla soprintendenza dell’Aquila, a partire dagli anni ’70 del Novecento, hanno assicurato al complesso monumentale uno stato di conservazione a tutt’oggi buono, sia riguardo alle strutture che alle superfici

Descrizione dell’edificio con riferimento a forme, materiali e tecniche costruttive:
il tratto di mura superstiti si divide in due parti.
Quella lungo via S. Spaventa è costituita da una muratura faccia vista con scarpa esterna, interamente realizzata in mattoni, disposti a filari paralleli con un’apparecchiatura irregolare. La muraglia è interrotta da aggetti che fungono da bastioni e ripropongono la medesima tecnica muraria.
L’ala a nord presenta invece una muratura eterogenea di pietrame e mattoni.
Il materiale lapideo utilizzato è prevalentemente calcareo, in ciottoli di piccole dimensioni. Sono evidenti le tracce delle varie fasi costruttive in quanto la muraglia è più volte interrotta da parti realizzate seguendo diverse tecniche, molto probabilmente inserite per risarcire lacune o rinforzare con contrafforti le strutture pericolanti.
All’angolo ovest del recinto si alzano le due torri.
La torre più alta e più antica è a base rettangolare ed è formata da tre lati chiusi e uno aperto, rivolto verso la città: ha un coronamento merlato e all’interno diversi ponti in legno collegati da scale, utili a raggiungere le feritoie poste ai vari livelli.
La torre più bassa sporge verso l’esterno, in quanto realizzata successivamente a ridosso delle mura esistenti: ha una base quadrata ed è aperta su entrambi i lati interni.
All’esterno si presenta con una muratura interamente in mattoni faccia vista.
Il coronamento della torre è realizzato con un sistema di beccatelli su mensole tra archetti a sesto acuto, dove si aprivano le antiche caditoie.
All’interno del recinto, la cosiddetta Piazza d’Armi, si alza il prospetto laterale della chiesa di Santa Giovina. Attualmente il complesso monumentale è utilizzato come teatro all’aperto per gli spettacoli estivi, un tempo, invece, ha ospitato il carcere


Bibliografia:
F. CARABBA, Lanciano: un profilo storico dalle origini al 1860, Lanciano 1995
V. DE CECCO, Frentania sconosciuta, Lanciano 1969
G. DE CESARIS, Qua e là per Lanciano. Note d’arte abruzzese, Lanciano 1927
Edilizia e urbanistica a Lanciano: 1830-1930. Omaggio a Filippo Sargiacomo, Bucchianico 1995
E. GIANCRISTOFARO, A. SABELLA, G. SERAFINI, Economia e Società a Lanciano tra Ottocento e Novecento, Lanciano 1996
L’eccletismo ed il liberty nella Frentania. Architettura del XIX – XX sec. in Lanciano e Vasto, Teramo 1998
F. SARGIACOMO, Lanciano tra ottocento e novecento, in “Rivista Abruzzese”n. 28, Lanciano 1999.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Torri Montanare.pdf (136,58 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino