Salta Menù|

Testata

-Lama dei Peligni - martedģ 22 ottobre 2019 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Lama dei Peligni



  Menu Principale


  Chiese



  Palazzi




  Eventi






[Palazzi]

Palazzo Ducale

L’impianto è a blocco quadrangolare su tre livelli

Immagine:

Comune e provincia:
Lama dei Peligni (Ch)

Tipologia:

l’impianto è a blocco quadrangolare su tre livelli

Ubicazione:
piazza Umberto I

Utilizzazione:
anticamente palazzo ducale, l’edificio conserva a tutt’oggi la sua funzione abitativa, sebbene con trasformazioni dell’impianto originario

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche:
secondo le fonti la costruzione del palazzo fu voluta dai duchi Di Capua nel Cinquecento. Dal catasto conciario del 1756 il palazzo risulta proprietà dei Signori d’Aquino di Caramanico, che avevano acquisito Lama dei Peligni nel 1667, insieme a Palena, Lettopalena e Montenerodomo. Dell’impianto originario si conserva oggi ben poco, essendo la fabbrica attuale l’esito di un intervento di ricostruzione che avrebbe conservato di quella antica soltanto il cantonale ad angolo e le mostre di alcune finestre sui prospetti, di gusto chiaramente rinascimentale

Stato di conservazione:
le condizioni si presentano complessivamente discrete. Macchie di umidità sono presenti sulle pareti e l’intonaco è in alcuni punti scrostato

Descrizione dell’edificio con riferimento a forme, materiali e tecniche costruttive:
i fronti dell’edificio si articolano su tre livelli. Sono ricoperti d’intonaco e portano le tracce dei rimaneggiati subiti nel corso degli anni. Il cantonale consiste in una robusta parasta d angolo, sormontata da un elemento circolare in pietra sorretto da mensole, che era probabilmente il basamento di una torretta di avvistamento e difesa.
Di grande interesse è la finestra che affianca il cantonale sul prospetto laterale. La sua mostra è in pietra, con piedritti scolpiti con motivi floreali e impostati su un davanzale sorretto da mensole. La cornice modanata che conclude la trabeazione si appoggia su mensole decorate con foglie d’acanto.
Il prospetto principale è caratterizzato da un forte profilo a scarpa che copre tutta l’altezza del primo livello. La regolarità e simmetria delle aperture che ne articolano le superfici sono certamente la traccia di un disegno rigoroso in parte perso con l’inserzione di elementi incongrui, in ordine soprattutto ai nuovi infissi e alla presenza sulle murature di tubazioni e fili elettrici


Bibliografia:
R. CAPRARA , Lama dei Peligni nella storia e nella leggenda, Chieti 1986
A. PEZZETTA , Lama dei Peligni: il suo ambiente e la sua storia feudale e comunale, Chieti 1991
A. PEZZETTA , Casa rurale, ambiente, agricoltura e società a Lama dei Peligni dal 1700 ai giorni nostri, Montefalcone 1994.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Palazzo Ducale.pdf (121,90 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino