Salta Menù|

Testata

-Fossacesia - lunedģ 22 aprile 2019 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Fossacesia



  Menu Principale



  Chiese



  Palazzi




  Eventi







[Palazzi]

Palazzo Mayer

Palazzo con impianto rettangolare sviluppato su tre livelli

Immagine:

Comune e provincia:
Fossacesia (Ch)


Tipologia:
palazzo con impianto rettangolare sviluppato su tre livelli

Ubicazione:
piazza del Popolo

Utilizzazione (uso storico e uso attuale):
l’edificio è adibito a residenza

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche/restauri:
fonti documentarie riportano al 30 aprile 1834 l’autorizzazione da parte del comune alla ricca famiglia Mayer a dare inizio allo scavo per la realizzazione dell’edificio, seppure pensato più piccolo, sul sito dove esisteva anche la quattrocentesca chiesa di S. Antonio Abate. Nel 1852 si procedette alla realizzazione della restante parte del palazzo, probabilmente affidata a maestranze napoletane

Stato di conservazione:
l’edificio è in discrete condizioni strutturali ma avrebbe bisogno di un’attenta opera di manutenzione anche negli intonaci esterni

Descrizione dell’edificio con riferimento ai materiali e alle tecniche costruttive adottate:
l’edificio presenta una pianta rettangolare con tre fronti liberi ed è articolato su tre livelli, con la facciata principale ripartita in sette assi cui corrispondono altrettante campate tutte uguali. I primi due livelli risultano unificati nel disegno complessivo e separati dal livello superiore mediante una cornice marcapiano che corre all’altezza dei balconi; inoltre il livello inferiore presenta un trattamento del paramento murario a fasce orizzontali, tipo bugnato, mentre il livello superiore è trattato ad intonaco.
Il piano nobile è caratterizzato dalla scansione di lesene ioniche, tra le quali si aprono sette aperture identiche con timpano triangolare su mensole, ciascuna con un balcone su mensole impostate sulla cornice marcapiano, con ringhiera in ferro battuto dal motivo lineare.
La scansione verticale del livello superiore si ripete in quello inferiore dal momento che ad ogni balcone corrisponde un’apertura nel livello sottostante. Tali aperture variano però a seconda della campata. La quinta e la settima presentano una finestra rettangolare, sormontata da cornice semicircolare, al di sotto della quale è collocata un’apertura quadrata con grata in ferro posta ad altezza del marciapiede. La seconda e la sesta ospitano invece i due ingressi al palazzo: due portoni lignei, con ghiera in ferro battuto, tra piedritti ed arco a tutto sesto lavorati a conci ed una grossa chiave di volta scolpita al centro dell’arco. La prima, la terza e la quarta campata, infine, presentano balconi con ringhiera in ferro battuto a volute maggiormente lavorata, su mensole di ferro battuto; l’apertura è sormontata da una cornice analoga a quella delle finestre nella quinta e nella settima campata. Sotto questi balconi si trovaun portone ligneo a sesto ribassato (quello nella prima campata è diverso dagli altri due perché probabilmente è stato sostituito).
Sopra le lesene del secondo livello corre una trabeazione che funge da cornicione del palazzo, con architrave, fregio scolpito e cornice con dentelli. Sul fregio sono scolpiti una serie di leoni alati, intervallati da facce in corrispondenza dei capitelli e da piccoli oculi che servono ad aerare il sottotetto, in corrispondenza dell’asse centrale di ciascuna campata.
Gli altri due prospetti, ciascuno di tre campate, sono analoghi al principale per quanto riguarda il livello superiore, mentre nel livello inferiore, privo della lavorazione a bugnato, le campate sono tutte uguali alla settima campata del prospetto principale.
Il paramento murario è realizzato in mattoni e rivestito di intonaco. Le mensole, i capitelli e le chiavi di volta dei portali sono invece di pietra. Per le parti di muratura che costituiscono i fondali dell’edificio è stato usato un colore giallastro, mentre le parti in risalto sono di un colore che tende a quello della pietra.
La copertura è in manto di coppi


Bibliografia:
A. PICCIRILLI, N. CAMPITELLI, R. GNAGNARELLA, Fossacesia: cent’anni di storia attraverso le immagini e i documenti d’epoca…

Fonti archivistiche:
Archivio privato Piccirilli
Archivio di Stato di Chieti, Catasto Borbonico, Circoscrizione di Lanciano, Comune di Fossacesia, Catasto fabbricati, vol. I.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Palazzo Mayer .pdf (129,70 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino