Salta Menù|

Testata

-Borrello - domenica 16 dicembre 2018 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Borrello



  Menu Principale


  NOTIZIE


  Chiese


  Palazzi




  Eventi






[Chiese]

Chiesa di Sant’Egidio

Impianto a navata unica con abside poligonale

Immagine:

Comune e provincia:
Borrello (Ch)


Tipologia:
impianto a navata unica con abside poligonale

Ubicazione:
ai margini del centro storico, in via Marsica

Dati catastali:
foglio 6, particella B

Utilizzazione:
la chiesa è attualmente officiata

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche/restauri:

la chiesa di S. Egidio ha probabilmente origini molto antiche per via delle similitudini con altre chiese edificate intorno all’anno Mille, evidenziate dallo studio dei partiti murari messi in luce nel corso dei restauri degli anni Novanta del secolo scorso.
Si hanno notizie, invece, dei lavori di ricostruzione seguiti ai danni causati dal terremoto del 5 dicembre 1456; da allora le cronache tacciono fino al 1706, quando un altro terremoto distrusse la chiesa, poi riconsacrata nel 1720.
Da un documento sull’apprezzo della Civitas Burreli del 1754, redatto dagli eredi della baronessa Cornelia Ciampelli, si apprende che a quell’epoca l’edificio era a tre navate, il campanile era sulla strada e l’ingresso sul lato destro dell’attuale costruzione, ma già nel 1847, secondo il preventivo di spesa redatto dai capomastri Lazzario di Luca e Felice Evangelista, la chiesa aveva una navata unica e la torre campanaria in costruzione.
Da ciò si può supporre che tra la fine del Settecento e gli inizi dell’Ottocento l’edificio fu completamente ricostruito con un diverso impianto ed orientamento.
Ancora nel 1935 la chiesa fu chiusa perché pericolante e nel 1940 ne furono abbattuti il campanile e la volta della navata per motivi di ordine statico. Nel 1944 i bombardamenti della guerra causarono la caduta del tetto, cosicché la chiesa rimase abbandonata fino al 1990, anno di inizio dei lavori di restauro e ricostruzione

Stato di conservazione:
l’edificio presenta un buono stato di conservazione perché è stato quasi interamente ricostruito dal 1990 in poi

Descrizione dell’edificio con riferimento ai materiali e alle tecniche costruttive adottate:
la facciata della chiesa ha un profilo a capanna piuttosto basso.
La nuda cortina muraria mostra una tecnica costruttiva povera con un’apparecchiatura irregolare di ciottoli spaccati e pietra appena sbozzata, interrotta in prossimità dei cantonali che mostrano una muratura in conci di arenaria con base modanata in calcare.
Sul lato sinistro si appoggia il tozzo campanile che ripropone le stesse tecniche costruttive della facciata.
Al centro si apre un portale in pietra calcarea dalle forme tardobarocche sulla cui architrave si imposta un motivo decorativo che termina con due volute e una cornice mistilinea che racchiude al centro una piccola raffigurazione della Madonna. L’aula interna è interamente intonacata come l’abside, che presenta al centro una edicola in stucco con colonne corinzie scanalate e rudentate che sostengono una trabeazione conclusa da un timpano curvilineo, arricchita da fregi e decorazioni a bassorilievo. Al cento dell’edicola e ai lati vi sono nicchie con statue di santi. La copertura della navata è a capriate a vista, realizzate in epoca recente

Bibliografia:
E. MARANZANO, Borrello tra i vicini comuni dalla Val di Sangro, Casoli 1998.

Clicca qui per visualizzare e scaricare la scheda tecnica redatta dall’Università “G. D’Annunzio”, facoltà di Architettura, Dipartimento di scienze, storia dell’Architettura, Restauro e Rappresentazione.

File: Chiesa di S. Egidio.pdf (127,12 Kb) -




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino