Salta Menù|

testata_cultura

-Archi - sabato 28 marzo 2020 

Sei in: »Portale Sangro Aventino »Patrimonio Culturale »-Archi



  Menu Principale


  Chiese


  Palazzi






  Eventi





[Chiese]

Chiesa di Santa Maria Dell’Olmo

Chiesa a croce greca con cupola all’incrocio dei bracci

Immagine:

Comune e provincia:
Archi (Ch)


Tipologia:
chiesa a croce greca con cupola all’incrocio dei bracci

Ubicazione:
inserita all’interno della cortina edilizia di via dell’Olmo o della Chiesa

Utilizzazione:
la chiesa è attualmente officiata

Epoca di costruzione ed eventuali aggiunte/modifiche/restauri:
di incerta datazione, l’edificio religioso può essere ascritto al XVIII secolo

Stato di conservazione:
la fabbrica presenta complessivamente un buono stato di conservazione. L’interno è stato oggetto di recenti lavori di restauro che hanno stabilito un adeguato rapporto cromatico fra le parti intonacate e stucchi. Al contrario, la facciata principale presenta uno strato di intonaco in malta cementizia dalla tonalità grigiastra, che sminuisce la qualità complessiva dell’edificio e per di più sono presenti forme di degrado da umidità con la conseguente presenza di macchie e disgregazioni di piccole superfici intonacate

Descrizione dell’edificio con riferimento ai materiali e alle tecniche costruttive adottate:
la facciata principale è inquadrata da un ordine di paraste sovrapposte, tuscaniche al primo livello e ioniche al livello superiore, ribattute. L’ingresso alla chiesa avviene mediante un portale anch’esso inquadrato da paraste e sormontato da un timpano curvilineo. Al di sopra dell’alta trabeazione, in asse con il portale, si apre una nicchia incorniciata da paraste ioniche e sormontata da un timpano triangolare spezzato. Analogamente un timpano curvilineo spezzato conclude la facciata in alto. L’edificio è fiancheggiato dalla torre campanaria a quattro livelli divisi da cornici marcapiano, di cui l’ultimo a pianta ottagonale, i primi due privi di aperture, mentre negli ultimi due si aprono vani ad arco per alloggiarvi le campane.
L’intero edificio è realizzato in conci di pietra squadrata anche se oggi mostra un sovrastante strato di intonaco nell’intero secondo livello, parzialmente nel primo e nella torre campanaria.
L’interno è dominato dalla imponente cupola su pennacchi, mentre nicchie voltate a botte completano la restante parte dell’aula; in essa sono conservati un pregevole dipinto quattrocentesco su tavola raffigurante la Madonna dell’Olmo, un crocifisso ligneo dello scultore Gioacchino Pellicciotti di Perano e una tela seicentesca raffigurante San Vitale realizzato dall’atessano Felice Ciccarelli


Bibliografia:
M. LATINI, Abruzzo. Guida storico-artistica, Edizioni Carsa, Pescara 2003
AA.VV., Chieti e la sua provincia, Vol. II : I comuni, Chieti 1990




  Comincia da te


  Login

Login


» Webmail
Accedi alla Web Mail del SangroAventino



  Ricerca

Ricerca

» Ricerca Avanzata



  IMMAGINI




Stampa questa Pagina | Segnala questa Pagina | Torna Su


Portale Territoriale Sangro Aventino