Cooperazione

La strategia Europa 2020 ha delineato un quadro dell'economia di mercato e sociale europea per il prossimo decennio, basato su tre settori prioritari strettamente connessi che si rafforzano a vicenda
- crescita intelligente (sviluppare un'economia basata sulla conoscenza e sull'innovazione);
- crescita sostenibile (promuovere un'economia più efficiente sotto il profilo delle risorse, più verde e più competitiva);
- crescita inclusiva (promuovere un'economia con un alto tasso di occupazione, che favorisca la coesione economica, sociale e territoriale).

Il consolidamento dei rapporti tra l’Italia ed i Paesi dei Balcani e la collaborazione con alcuni Paesi Asiatici rappresentano una priorità nel quadro delle linee d’azione della politica estera ed economica italiana di attrazione degli investimenti e di penetrazione su nuovi mercati.

In questo contesto nasce il progetto Azioni Sperimentali di Sviluppo ed Internazionalizzazione “ASSI”, finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico - Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione - che ha individuato la Soc. Cons. Sangro Aventino a r.l. e la Soc. Cons. SIL Appennino Centrale a r.l. per il trasferimento di buone pratiche nei paesi partner dell'iniziativa.

Il progetto, tramite partership e collaborazioni con territori e regioni, intende facilitare processi di integrazione e di cooperazione per lo scambio di buone prassi ed esperienze maturate sul campo. Le aree obiettivo individuate, per i Balcani, sono indicativamente in Albania, Montenegro, Bosnia, Croazia e Serbia mentre, per l’Asia, sono stati avviati contatti specifici con Cina e altri paesi limitrofi.

Le azioni di trasferimento delle buone prassi attivate direttamente dall'Agenzia del Sangro Aventino, già in fase operativa, riguardano i seguenti Paesi obiettivo e le relative aree:

Albania
- Servizi alle imprese (attività informativa e amministrativa) - Comuni di Berxhull, Kashar, Preze e Vore
- Programmazione Locale Integrata – area di Skrapar con i Comuni di Bogove, Cepan, Corovode, Qender;
- Sistema Informativo Territoriale per la redazione del Piano urbanistico – Comune di Manez -

Bosnia
- Servizi alle imprese (attività informativa e amministrativa) – Comune di Mostar -

Croazia
- Collaborazione tra la Regione Abruzzo e la Regione/Contea di Dubrovnik-Neretva per i collegamenti tra i relativi porti facendo riferimento al Programma Automotive e la logistica collegata.

Montenegro
- Servizi alle imprese (attività informativa e amministrativa) –Direzione Piccole e Medie Imprese Ministero dell'Economia del Montenegro Comune di Bijelo Polje -

Serbia
- Protocollo di cooperazione tra il gruppo veicoli Zastava di Kragujevac e il Polo d’innovazione Automotive nel settore dell’industria, ricerca e progetti EU.
Si prevede la possibilità di supporto alla definizione di nuovi programmi/progetti nell’ambito della costituenda Macro Regione Adriatico-Ionico.

Di seguito si riportano i dossier dei Paesi obiettivo con informazioni socio-economiche (clicca sull'immagine per ingrandire)

                  
                    Albania                  Bosnia-Erzegovina              Montenegro                         Serbia
 

 

Esperienze di cooperazione già realizzate

Attraverso il programma del Ministero dello Sviluppo Economico I.Ne.P.S. Project (Italian Negotiated Programming in Serbia), si sono sviluppate esperienze di integrazione e cooperazione tra regioni individuando e trasferendo buone prassi, modelli operativi e strumenti concreti per la progettazione e l’implementazione di processi di sviluppo per la sostenibilità ambientale; servizi sociali domiciliari ad integrazione sanitaria: un modello innovativo di intervento; Patto per il Turismo). 

Inoltre, con il progetto Intec-Reg (I.C. INTERREG III C) sono state intraprese azioni a favore dell’integrazione e la cooperazione delle regioni transfrontaliere, in particolare la Serbia, individuando modelli operativi e strumenti per la progettazione e l’implementazione di processi di sviluppo per il miglioramento della sostenibilità economico-finanziaria delle economie locali.

Video collegato