Bonus giovani

Al via l’incentivo previsto dal decreto lavoro per la promozione dell’occupazione giovanile. Ammesse al bonus – in misura più virtuale che sostanziale – anche le assunzioni con contratto di apprendistato e quelle in forma agevolata. A darne notizia è l‘Inps con la circolare 131/2013 diffusa il 18 settembre 2013, con cui l’istituto di previdenza rende noti criteri e modalità di accesso alla misura introdotta dal decreto 76/13.
L’incentivo consiste in un bonus pari a un terzo della retribuzione mensile lorda (imponibile previdenziale) ma con un tetto massimo mensile di importo pari a 650 euro per lavoratore, conguagliabile con i contributi dovuti. Le assunzioni premiate sono quelle a tempo indeterminato, anche part time, rivolte a giovani privi d’impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi ovvero sprovvisti di diploma di scuola media superiore o professionale che non abbiano compiuto 30 anni.
Il bonus spetta per le assunzioni effettuate dal 7 agosto 2013. Il termine finale per eseguire le assunzioni incentivate è il 30 giugno 2015.
È importante ricordare che il beneficio compete nei limiti di risorse distintamente stanziate per ogni regione o provincia autonoma. Di conseguenza, le somme accantonate potrebbero esaurirsi prima della data finale stabilita dalla legge per l’accesso alla facilitazione.
Tra le varie condizioni spicca la necessità che l’agevolazione, per il singolo lavoratore, non superi il 50% del costo salariale riferito ai 12 mesi successivi all’assunzione. Se si tratta di lavoratore particolarmente svantaggiato il periodo di riferimento è esteso a due anni.
Per approfondimenti visita il sito del Ministero del Lavoro

Altro in questa categoria: « Research Italy Nuova Sabatini »

HeadOpportunita